Speciale Neil Gaiman – Il Sogno: The Sandman, dal 1989 ad oggi.

Articolo di Giovanni LeoneSandmanE’ affascinante pensare ad un avvenimento infantile di Neil Gaiman. Nel 1967 un amico del padre gli prestò una scatola piena di fumetti: da quella singola scatola di storie è nato un continuo idillio fra Gaiman e il mondo dei fumetti, e del fantastico più in generale. La scatola di fumetti conteneva anche Justice League of America 47, che ha fornito all’autore il suo primo scorcio sul Sandman originale DC: un detective abbigliato con una maschera antigas che impugnava un fucile e che spargeva gas soporifero. Come tributo Gaiman usò la strana forma della maschera come base dell’elmetto indossato dalla sua versione di Sandman. L’autore per molti anni, dal 1983 al 1987, ha lavorato come giornalista per uno svariato numero di periodici e quotidiani Inglesi. Ed è proprio in quel periodo che ha scritto con Kim Newman “Ghastly Beyond Belief: the science fiction and fantasy book of quotations” (Arrow, 1985), un libro che parla delle peggiori e più interessanti citazioni nei film e nei libri dell’orrore, oltre ad uno studio sulla “Guida Galattica per Autostoppisti”. Gaiman mandò una copia di “Ghastly Beyond Belief” con dedica ad Alan Moore. Con sua massima sorpresa, Moore, persona molto riservata, lo chiamò pochi giorni dopo. Ne nacque un’importante amicizia. Nel 1987 ha pubblicato il suo primo romanzo grafico “Casi Violenti” (“Violent Cases” – illustrato da Dave McKean): una meditazione sulla memoria, sul malvagio e sulle feste di compleanno dei ragazzini. Questo libro ha vinto nel 1988 un Eagle Aword come miglior graphic novel e Gaiman stesso un altro Eagle Award come miglior scrittore di fumetti americani, sempre nel 1988; un impresa decisamente difficile per uno scrittore inglese in erba. Nello stesso anno ha rinunciato al giornalismo e ha scritto Black Orchid per la DC Comics con disegni di Dave McKean, e, sempre nel 1988, ha cominciato a scrivere Sandman (personaggio del quale non possiede alcun diritto e che appartiene integralmente dalla DC) con la collaborazione di vari artisti. Quanti grandi autori contemporanei sono rimasti affascinati, nel corso della loro infanzia, dal mondo del fumetto, e a quanti di loro si sono aperte le porte della fantasia. Le ristampe in volumi delle storie di Sandman vantano introduzioni di scrittori di grande calibro: da Stephen King a Peter Straub. E grandi sono le influenze e le idee scaturite dalla lettura di Clive Barker, grande amico di Neil Gaiman. Non è facile districarsi fra le varie edizioni pubblicate in Italia e con tempi diversi, per cui potrebbero nascere dei dubbi sull’ordine di lettura da seguire. Mi auguro, quindi, che questa possa essere una guida a The Sandman più che una recesione. Il primo consiglio è quello che dà lo stesso Neil Gaiman sul suo blog: “Consiglio fortemente di leggere Le Eumenidi e La Veglia alla fine dei primi 8 volumi, e leggere gli altri in ordine sparso se si preferisce”. Prima di questi forse anche Vite Brevi e La Locanda alla Fine dei Mondi sono da leggersi in successione e alla fine dell’opera, come in molti consigliano. Ma introduciamo Sandman, poiché dei vari volumi parleremo di volta in volta nelle successive recensioni. La presente, infatti, vuole essere solo una piccola introduzione alla lettura dei volumi (e, spero, al facile reperimento degli stessi). Leggende che riempiono le nostre vite. In una di esse Sandman (l’uomo della sabbia) passa e fa sognare le persone spargendo della sabbia magica sugli occhi. Quando ci si sveglia, le crosticine attorno agli occhi sono i resti della sabbia magica.

Sandman 2

Ma la leggenda di Neil Gaiman e del suo Sogno va oltre, costruendo una intera famiglia di entità (gli Eterni) preposta a controllare e “sorvegliare” concetti base, sentimenti e passioni delle  nostre vite. Al Reame dei Sogni appartiene Sandman (aka Signore dei Sogni, Oneiros, Morfeo, il Principe delle Storie, il Plasmatore, e molti altri) i cui diversi nomi rispondono ad una funzione e il cui scopo è controllare l’influenza dei nostri sogni. Nel suo Regno Morfeo può fare qualsiasi cosa desideri attingendo alle idee e alla forza di tutti i sognatori. Oltre ai sogni e agli incubi vi si trovano vari esseri come la viverna, il grifone e il cavallo alato che fanno la guardia alla porta del palazzo, Mervin lo spaventapasseri con la testa a forma di zucca, Caino e Abele in eterno litigio tra di loro. Menzione particolare per Matthew, il corvo di Sogno, che in precedenza era un uomo, perfetto contraltare alle divinità che pullulano nella serie con il suo modo così umano, pratico e disincantato di vedere il mondo. Altra idea particolarmente ben riuscita è il bibliotecario Lucien e la biblioteca del sogno in cui sono presenti tutti i libri che le persone hanno sognato o solo favoleggiato di scrivere così come tutte le idee di romanzo che non si sono mai concretizzate. Sogno è uno dei sette Eterni che incarnano e regolano ognuno un particolare aspetto dell’esistenza umana come la morte o la disperazione. In originale i nomi degli Eterni (Endless in lingua originale) iniziano tutti con la lettera “d”:

  • Destino: Destiny;
  • Morte: Death
  • Sogno: Dream
  • Distruzione: Destruction
  • Desiderio: Desire
  • Disperazione: Despair
  • Delirio: Delirium

Essi si nutrono di sentimenti, atti e passioni comuni a tutti gli esseri senzienti ed esistono da prima che l’uomo potesse concepire l’idea di divinità. Sogno si nutre e prospera di tutte le manifestazioni oniriche, Delirio dalla pazzia e così via. In questo senso tutti i popoli hanno conosciuto gli Eterni, in una forma o nell’altra, e hanno attribuito loro molti nomi. All’interno degli Eterni un posto speciale ha Morte che, come lei stessa dice, era già in attesa quando il primo essere vivente apparve e continuerà ad esistere anche dopo la fine dei tempi. Destino (Destiny), nato appena prima che il primo essere vivente venisse al mondo, in quanto il destino di un uomo è già scritto prima che egli nasca; alla comparsa del primo essere vivente nasce anche Morte (Death). L’uomo appena nato inizia a sognare, ed ecco Sogno (Dream), ma il sogno provoca cambiamento, per cui Distruzione (Destruction) di ciò che era prima, che si manifesta in Desiderio (Desire), e quindi Disperazione (Despair) per non poter avere la cosa voluta, ed infine Delirio (Delirium), che una volta era Delizia, o Piacere. Desiderio e Disperazione sono gemelle. Il ciclo di Sandman si apre con l’imprigionamento del Signore dei Sogni l’11 giugno del 1916 a causa di un mago, Roderick Burgess, capo di una setta occulta, che pensava di rinchiudere invece sua sorella Morte (per stessa amissione di Neil, la figura di Burgess non deriva dal famoso occultista inglese Aleister Crowley). Qualcosa non è andato per il verso giusto e chi ci ha rimesso è Sandman. Egli resta imprigionato per quasi un secolo, fino al 14 settembre 1988, e solo grazie ad una distrazione dei suoi carcerieri riesce a fuggire. Purtroppo il suo reame, durante la sua assenza, è stato devastato, gli incubi si sono liberati, alcune persone si sono addormentate per non svegliarsi più e come se non bastasse durante la sua cattività gli sono stati sottratti i suoi strumenti di potere: un rubino, un sacchetto di sabbia magica, e il suo elmo. Sandman quindi, indebolito e quasi senza poteri, comincia la ricerca dei suoi simboli del potere, che lo porterà all’Inferno, ad Arkham Asylum e in contatto con John Constantine (Hellblazer), un’altra ben nota conoscenza dei lettori della DC VERTIGO. Da qui inizia il ciclo della serie di Sandman e mano a mano vengono introdotti personaggi, situazioni e complicazioni che troveranno una soluzione solo nell’ultimo ciclo della serie: La Veglia.

Sandman 1

La Magic Press ristampò a suo tempo tutte le storie di Sandman nell’edizione in volume, anche cartonata. Dal 2006 i diritti di Sandman sono in mano alla Planeta DeAgostini, che ha iniziato a ristampare l’intera saga da novembre 2007, in albi da 96 pagine. Nel maggio 2010 è uscito il primo di sette volumi cartonati (ognuno di essi dedicato ad un eterno) che riprendono i quattro absolute americani; dopo il secondo volume i diritti di Sandman sono passati a RW Edizioni, che ha continuato la pubblicazione della serie. Sandman in origine era una serie mensile in volumetti di 32 pagine. Quando la serie iniziò a guadagnare popolarità la DC iniziò a ristampare la serie raggruppando le uscite in volumi che comprendevano un arco narrativo o una raccolta di storie brevi collegate. Alla fine furono stampati 10 volumi che hanno raccolto tutti i volumetti usciti. A questi si cui si aggiunge “Notti Eterne”, del 2004 e The Sandman: Overture, miniserie del 2013 che racconta le origini di Sandman e serve da prequel della serie ed è tutt’ora in fase di pubblicazione in Italia dalla RW Edizioni. Pertanto, a seguire, l’ordine cronologico di lettura dei volumi:

  • Preludi e Notturni (Preludes and Nocturnes) (raccoglie i numeri 1-8 della serie originale, 1988-1989)
  • Casa di bambola (The Doll’s House) (numeri 9-16, 1989-1990)
  • Le terre del Sogno (Dream Country) (numeri 17-20, 1990)
  • La stagione delle nebbie (Season of Mists) (numeri 21-28, 1990-1991)
  • Il gioco della vita (A Game of You) (numeri 32-37, 1991-1992)
  • Favole e riflessi (Fables and Reflections) (numeri 29-31, 38-40, 50, Sandman Special n.1 e Vertigo Preview n.1, 1991, 1992, 1993)
  • Vite brevi (Brief Lives) (numeri 41-49, 1992-1993)
  • La locanda alla fine dei mondi (Worlds’ End) (numeri 51-56, 1993)
  • Le eumenidi (The Kindly Ones) (numeri 57-69 e Vertigo Jam n.1, 1994-1995)
  • La veglia (The Wake) (numeri 70-75, 1995-1996)
  • Sandman. Notti eterne (fra i disegnatori il nostro Milo Manara) – Magic Press 2009, 216 p., ill.

Il prequel di Sandman:

  • The Sandman: Overture (serie irregolare, 3/6 albi sino ad ora) – RW Edizioni – prima ed. italiana ottobre 2014.

Nel momento in cui scrivo la RW Edizioni ha annunciato la ristampa del 4° Volume Deluxe (La stagione delle nebbie), e i primi 3 volumi sono già difficili da reperire, pensate che il 1° (Preludi e Notturni) è già in seconda ristampa. E’ pertanto una occasione unica per coloro che vorranno scoprire questo autentico capolavoro letterario, vincitore di importanti riconoscimenti nel campo del fantastico e secondo solo, a mio parere, a The Watchmen di Alan Moore e Dave Gibbons.

Giovanni Leone

Neil GaimanL’AUTORE

Neil Gaiman, all’anagrafe Neil Richard MacKinnon Gaiman, è uno scrittore, fumettista, giornalista e sceneggiatore televisivo e radiofonico britannico. Nato a Portchester, un suburbio di Portsmouth (nel Hampshire), il 10 novembre 1960 da una famiglia ebraica di origini polacche ed est-europee, comincia la sua carriera come giornalista. Scrive racconti di fantascienza per riviste erotiche e sceneggiature per fumetti. Arriva alla casa editrice di fumetti DC Comics durante la cosiddetta british invasion (invasione britannica) degli anni ottanta, insieme a Grant Morrison, Jamie Delano, Peter Milligan, Pat Mills,Alan Grant, Matt Wagner e altri ancora, e debutta con Black Orchid, un oscuro personaggio della DC, che trasforma completamente. Ottiene la consacrazione come sceneggiatore di fumetti grazie a Sandman, noto personaggio della linea Vertigo, sotto-etichetta della DC Comics. Tra le sue opere più importanti The Books of Magic, che ridefinisce i personaggi mistici e magici della DC Comics, che ha lanciato una serie spin off scritta da John Ney Reiber. I fumetti di The Sandman, e gran parte di quelli di Gaiman, sono editi in Italia, come pure una delle sue opere preferite: Mr. Punch, realizzata con Dave McKean. Del suo ciclo di Miracleman(17-24), pubblicato dalla Eclipse, rimangono ancora inediti gli ultimi episodi. Gaiman ha scritto anche romanzi, sceneggiature televisive, favole e storie per l’infanzia (tra cui I lupi nei muri, recentemente pubblicato anche in Italia), drammi radiofonici e testi per canzoni. Tra i suoi romanzi si ricordano Nessun dove (Neverwhere), nato dalla sceneggiatura della serie televisiva della BBC Neverwhere, Stardust e Good Omens, scritto a quattro mani con Terry Pratchett. Molte delle sue storie brevi sono state raccolte in Smoke and Mirrors: Short Fictions and Illusions. Il suo romanzo American Gods venne premiato con l’Hugo e il Premio Nebula per il miglior romanzo. Ha collaborato con il musicista Alice Cooper, per il quale ha scritto il concept album The Last Temptation (di cui esiste anche un adattamento a fumetti della Marvel Comics, poi riproposto dalla Dark Horse Comics). Inoltre, sempre in ambito musicale, Gaiman viene menzionato nei primi tre dischi di Tori Amos, Little Earthquakes, Under the Pink e Boys for Pele. Nel 2003 ha scritto 1602 per la Marvel Comics e disegnato da Andy Kubert, in cui propone una versione alternativa dell’intero universo Marvel, ambientandone le origini nell’anno 1602. Sempre per la Marvel, nel 2006 ha sceneggiato la miniserie Eternals, disegnata da John Romita Jr., con protagonisti gli Eterni creati da Jack Kirby.